giovedì 12 maggio 2011

Il Guru




“Tu non c’entri. Il problema sono io e non meriti di stare con una come me”.

Banale, come gli spaghetti aglio, olio e peperoncino, che però sono efficaci quando la fame ti stropiccia lo stomaco ed hai la necessità di distenderlo. Un pò come quando l’amore finisce ed hai bisogno di quella libertà oleosa e piccante, come gli spaghetti.

Giorgio con quella frase capì che ad essere mollati non ci si abitua mai e pensò che la vita è troppo furba per poter star sempre in guardia. Così decise di diventare un abitudinario.
Se sei insoddisfatto l’abitudine è monotonia, costrizione, ma se i tuoi giorni ti piacciono allora diventa una roccaforte in cui sentirti leggero, e perfino la grattata di sedere appena svegli smette di essere meccanica, diventando la prospettiva di un piacere che sai arriverà.
A Giorgio piaceva darsi una grattatina al sedere appena sveglio e, come tante altre piccole cose, sapeva che sarebbe arrivata puntuale, cosa che lo rendeva sereno.
Però non era un tipo dalle vedute ristrette.

- Vedi, l’abitudine, a differenza della regola, non è un concetto rigido ma elastico.

- Scusa, io non vedo molta differenza. Col tempo, l’abitudine si cristallizza al punto da divenire regola.

Questo era Matteo, un vecchio compagno di università di Giorgio.

- Ora ti spiego.

- Sì, così magari ci capisco qualcosa…

- Che giorno è oggi?

- Lunedì.

- Ecco, e cosa faccio di solito il lunedì sera?

- Guardi un film in dvd.

- Bravo. Ora, invece, sono seduto con te a parlare e a bere.

- Eh, ma noi lo facciamo spesso!

- Appunto! Se vedere il film in dvd fosse una regola, ora non sarei qui, ma è un’abitudine sulla quale si sovrappone l’altra abitudine del bere qualcosa insieme a fine giornata. Vedi che è un concetto elastico?

- Mmm, sì…

Matteo non era convinto. Decise quindi di rendere scivoloso il terreno, si avvicinò a Giorgio stringendo la testa tra le spalle e, sorridendo:

- E con le donne? Da quando sei stato mollato non hai avuto una relazione che sia durata oltre una notte… anche questa è abitudine? Oppure è una regola? Magari per non star male.

Giorgio sorseggiò la sua birra fissando il punto indefinito nel vuoto che finiva sul seno della cameriera a qualche metro dal loro tavolo. Rispose a testa bassa, guardandosi i polpastrelli mentre cercava di asciugarli dall’acqua che bagnava il bicchiere.

- Un’abitudine è una scelta tua, o forse è lei che sceglie te, non saprei. Una cosa del genere non può essere lasciata all’arbitrio di un’altra persona, non sarebbe più un’abitudine. Una relazione stabile può essere fatta di abitudini ma non è abitudine.

Non aveva risposto, lui lo sapeva. Matteo lo sapeva, ma non disse nulla. Pensò che gli amici devono rompere solo se l’altro sta male, e in questo caso non era così.

- Quindi?

- Quindi cosa?

- Quindi l’amore non rientra nel tuo concetto elastico di abitudine, giusto?

- Non lo so, ci devo riflettere. Magari diventerò un guru di questa filosofia, scriverò un libro, venderò milioni di copie e ti offrirò da bere.

- Taccagno.

La seratà finì, come le altre, disintossicandosi dal giorno passato, ricaricandosi per quello successivo.
Camminando verso casa Giorgio pensò al da farsi: avrebbe sorseggiato qualcosa di forte fumando una sigaretta affacciato al balcone, poi si sarebbe preparato per la notte e avrebbe letto un libro aspettando il sonno.
Sull’immagine di lui a casa svoltò l’angolo, scontrandosi con forza con una ragazza che camminava a passo svelto. Si ritrovarono a terra, lui sopra di lei: banale.
Sentiva il seno morbido sul suo petto mentre veniva attirato dai lunghi capelli neri.
Istintivamente iniziò ad attorcigliarne una ciocca intorno alle sue dita, sorridendo. Anche lei sorrideva, di imbarazzo. Fu Giorgio a rompere il silenzio.

- Sai, potrei abituarmi a questo.

Banale, come un piatto di spaghetti aglio, olio e peperoncino. Però, con quella frase pensò che ci aveva veramente preso, davanti a quella birra, che veramente l’amore non è questione di abitudine, ma attitudine.

15 commenti:

Anonimo ha detto...

beeeellooooo!!!
"Una relazione stabile può essere fatta di abitudini ma non è abitudine".
ben tornato!
mg

Guchi ha detto...

ciao! ti ho visto da Carlotta e ho fatto bene a venire a curiosare perchè sei proprio bravo: bel blog!

Carlotta ha detto...

Ciao, visto faccio come i PR? forse è il caso che tu scriva un po' più spesso ;-)

Gabbrio ha detto...

@Guchi: Grazie mille, veramente, e benvenuta!

@Carlotta Grazie per le public relations! Sullo scrivere spesso, devo riprendere la mano a pensare storie e a scrivere decentemente. Per un periodo postavo un racconto a settimana, ora c'è ruggine, spero duri poco!

Lady Cocca ha detto...

Personalmente non disdegno le abitudini; perché sono fatta così da quando sono nata e perché effettivamente mi rendono più sicura..
Ma sta a noi far si che abitudine e monotonia non diventino la stessa cosa..

Gabbrio ha detto...

@Lady: Sì, l'abitudine non è mica qualcosa di negativo. Ognuno ha le sue, a volte si perdono e vengono sostituite da altre, ma comunque ci sono!

Federico Distefano ha detto...

Io aggiungo una nuova abitudine, o ne modifico una vecchia, ogni volta che cambia qualcosa nella mia vita, quindi ne so qualcosa...
:)

Ciao e buona giornata!

Gabbrio ha detto...

@Federico: sì, le abitudini sono così, vanno e vengono, so modificano, ma alla fine ci danno sicurezza. Ciao! : )

Baol ha detto...

Amico mio, as usual, bello!

Anche un piatto di spaghetti aglio olio e peperoncino, fatti bene...

Segnati una birra che prima o poi te la offro ;)

Gabbrio ha detto...

Grazie Baol!!! : D Senti, ma tu hai avuto problemi col tuo blog? Io non ho potuto accedervi per una settimana!
Facciamo due giri di birra, il secondo lo offro io! : )

Rosario ha detto...

L'abitudine è necessaria per il mio carattere bisognoso di punti fermi e sicurezze. Ma negli ultimi anni mi hanno fatto apprezzare anche qualche piccola perla di novità, qualche ventata di strada alternativa e, con le persone giuste, non è stata una cattiva esperienza.

Gabbrio ha detto...

Benvenuto! Sì, è lo stesso anche per me, avere dei punti fermi, magari tutti miei mi aiuta dandomi sicurezza. Allo stesso modo, come dici tu, se si è con le persone giuste lasciarsi al nuovo può portare delle belle sorprese.

Lila ha detto...

l'amore è attitudine, si. La nostra. L'abitudine, credo, invece lo preclude..
Bel racconto. Ipnotico e pensoso.
<grazie

Gabbrio ha detto...

Grazie mille!!! L'abitudine, riferita ad un rapporto di coppia, ha spesso una connotazione negativa, come di rovina di una storia. Una coppia ha inevitabilmente le sue piccole abitudini che la caratterizzano. Sicuramente il problema è quando proprio lo stare insieme è un'abitudine, nel senso di proseguire per inerzia.

Anonimo ha detto...

:-) ho sorriso! e ho sorriso assai leggendo il tuo racconto in fluidità ed elevata comunicabilità.
Talento in fase operativa!!!
Mi apre di comprendere il tuo "voler affinare lo scrivere". Credo tu sappia già....che viene da dentro. Dall'Apertura di CuoRE. Dall'andare inocntro all'Altro. Ovvero lo scivere non è più da e per se stesso (anche se altri lo leggono)...ma viene messo al "Servizio":-):-).....semplicemete...scegliendolo. A me è capitato con la pittura.........